Home / costruzione / Costruzioni antisismiche: tutto quello che c’è da sapere
costruzione casa antisismica

Costruzioni antisismiche: tutto quello che c’è da sapere

Costruzioni antisismiche: tutto quello che c’è da sapere

Le costruzioni antisismiche rispondono a precisi requisiti ingegneristici, studiati ad hoc al fine di contrastare il rischio sismico.

In Italia, sono diversi gli immobili costruiti prima del 1971 che purtroppo non rispondono a questi criteri e di conseguenza molte costruzioni sono più vulnerabili ai terremoti.

Per fortuna, esistono interventi adatti per migliorare il comportamento sismico dei vari edifici.

Ecco quindi tutto quello che c’è da sapere sulle costruzioni antisismiche.

Se le vostre intenzioni sono quelle di intervenire sulla vostra costruzione, vi consigliamo di affidarvi a degli esperti del settore che sappiano come prendere in mano tale situazione e valutare il vostro caso, illustrandovi tutte le procedure e la spesa da affrontare.

In qualsiasi caso, intervenire sulle costruzioni, è un investimento sulla vostra sicurezza e quella degli altri.

Gli interventi per rendere le costruzioni antisismiche

Tra i primi interventi per rendere una casa antisismica, c’è l’alleggerimento della copertura che grava su murature e fondazioni.

In questo caso, le costruzioni in legno sono le predilette proprio perché questo materiale è naturale e molto leggero e flessibile e garantisce un ottimo isolamento termico.

comprare casa

Un secondo intervento valido per rendere le costruzioni antisismiche consiste nel rafforzare le strutture.

E’ necessario valutare la forza delle pareti portanti e sostituirne delle porzioni con dei mattoni.

Se la struttura è in cemento armato, bisogna considerare la resistenza delle strutture verticali.

Perché un edificio reagisca in modo positivo ad un evento sismico, è importante che le varie parti siano collegate fra di loro. Per far fronte a ciò, vengono utilizzate delle catene apposite o strutture metalliche di connessione tra solaio e struttura perimetrale.

Un altro fattore ancora da tenere in considerazione per rendere una costruzione antisismica, in particolar modo per gli edifici rurali, sono le fondazioni, che nella maggior parte dei casi non corrispondono ai criteri antisismici.

Per questi casi è bene predisporre delle strutture di rinforzo al di sotto delle fondazioni esistenti, per offrire un appoggio più sicuro all’edificio.

Se le fondazioni sono poco stabili per la scarsa resistenza del terreno, vengono aggiunti dei pali per permettere alla costruzione antisismica un appoggio solido.

Per le costruzioni antisismiche da zero invece

Per effettuare costruzioni antisismiche da zero, per prima cosa è fondamentale rilevare il rischio sismico nella zona in cui si ha intenzione di procedere alla costruzione.

Le zone sono classificate secondo una scala: dal più alto grado di pericolosità, il livello 1, fino a quello meno pericoloso, il livello 4.

Per questi motivi, le case che rientrano nel livello 1 di pericolosità:

  • Non devono avere più di 2 piani se realizzate in muratura ordinaria
  • Non devono avere più di 3 piani, se costruite in cemento armato

Con l’esperienza maturata dalle costruzioni antisismiche post sisma dell’Emilia nel 2012 e dalle progettazioni di strutture antisismiche innovative e nel pieno rispetto delle norme, Studio Ruggero Pulga è il partner ideale a cui affidarsi per le costruzioni antisismiche.

Richiedi la costruzione casa antisismica di Studio Ruggero Pulga, da sempre a fianco delle costruzioni antisismiche

Save

Riguardo A admin

Guarda Anche

costruzioni zona sismica ntc 2018

Costruzioni in zona sismica: le novità delle NTC 2018

Costruzioni in zona sismica: le novità delle NTC 2018 Le regole per la progettazione delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *